Ti regalo

 

Ti regalo questo, potrebbe essere una passeggiata nel parco o una canzone senza fine. Una lettera d’amore, un cappuccino nella tua piazza preferita o un trucco di magia senza preparazione.

Ti regalo questo così lo porti con te, piegato nella borsa, o fra le pagine di un libro di Benedetti. Così quando ti arrabbierai con me potrai stropicciarlo o fare una palla e buttarlo dalla finestra e guardare felice come lo schiaccia un bus. Per incartare una mela o per incollarla al muro. O per scriverci sopra il numero della banca.

Qualcosa di arrangiato. Quelle cose che inizi a scrivere senza pensare e che non sai quando finirà. Ti regalo un tango di Piazzolla così lo ascolti mentre ti fai i capelli. Ti regalo un sogno, una camminata sulla riva del lago, magari a Bariloche, una passeggiata per le strade di Buenos Aires o un caffè al Tortoni.

Ti regalo un’idea. Il concetto più bello della complicità, uno scenario vuoto nel quale cercare il miglior modo di trovarsi.

Ti regalo queste righe imprecise, senza capo né coda, senza trama né fine, senza argomenti e senza attori principali. Senza una morale. E se ce l’ha, che solo tu lo sappia.

L’unica cosa che devi fare è spegnere la luce, chiudere gli occhi e la porta della tua stanza, non necessariamente in quest’ordine. Lascia che ti parli piano, dimentica le fatture ed il tg. Amami un po’ di più di cinque minuti fa, e fammelo sapere in qualche modo.

Ti regalo un desiderio. Riempirti di voglia di ridere e di scappare correndo. Che tu abbia bisogno di sentirmi e di trovarti a chiedermi di spegnere la luce, che chiuda la mia porta e allora, iniziare a leggere questo che ora stai leggendo. E magari non riuscissimo a smettere di chiamarci ogni notte, per trovarci nella stessa favola. Tutta la vita.

Lascio aperta la finestra perché tu possa entrarci, per potermi spiare. Per vedermi senza che io ti veda. Perché tu abbia cura di me senza che io lo sappia.

Una favola per portarti in viaggio. Nelle strade e nei parchi.

Ti regalo queste parole senza carta colorata, né uno “spero che ti piaccia”. Parole che parlano di te e di me, che possano leggersi qualsiasi giorno dell’anno, a qualunque ora, sia quale sia il tuo umore.

Ti regalo questo regalo.

Ed è con questo regalo di Jorge Gonzalvo che gotan va in vacanza per un po’.

Nel rinnovarvi l’invito ad inviarci la vostra “idea di tango” a gotanblog@virgilio.it, auguriamo a tutti voi

Buone Vacanze

 

Ti regaloultima modifica: 2006-08-03T12:02:00+00:00da gotan.blog
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “Ti regalo

  1. Partendo dal presupposto che tutto ciò che mi provoca emozioni mi fa sentire VIVA, sappi che ho letto il blog, cioò il tuo sul tango. Ogni ulteriore commento sarebbe superfluo. Baci besos becos becon o come cavolo si scrive! Mary

  2. E’ evidente, a questo punto, che anche il “Tango” deve avere un’Anima … come potrebbe altrimenti andare in vacanza anche Lui! 😉 … I “Nanetti” stanno ancora provando le loro “scarpette” nuove, ma ormai li conosci … per loro è ancora troppo “caldo”! 🙂 … A presto, Giuliano

Lascia un commento